Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Acquisto cittadinanza per matrimonio

Di seguito puoi trovare i passi necessari per richiedere la cittadinanza italiana per matrimonio. Per maggiori informazioni sui requisiti di legge per ottenerla, consulta il sito esteri.it.

STEP 1 – Preparazione dei documenti

Raccogli i seguenti documenti (in originale):

  • Estratto per sunto dai registri di matrimonio, che dovrai richiedere al tuo Comune in Italia;
  • Atto di nascita, indicante eventuali cambi di nome/cognome e il cognome da nubile della madre;
  • Certificato penale in formato bilingue;
  • Certificato di residenza e stato di famiglia (in ebraico, “Tamzit rishum malé/morhav”);
  • Certificazione comprovante la conoscenza della lingua italiana non inferiore al livello B1;
  • Ricevuta di versamento del contributo di 250 euro, effettuato con bonifico bancario sul conto corrente postale intestato al “Ministero dell’Interno D.L.C.I. Cittadinanza” (IBAN IT54D0760103200000000809020, Codice BIC/SWIFT: BPPIITRRXXX) indicando come causale del versamento “richiesta acquisto cittadinanza italiana del/la signor/a [NOME] ex art.5 Legge 91/92”;

Attenzione!

  • Il “certificato penale” e il “certificato di residenza e stato di famiglia” hanno validità massima di 6 mesi dall’emissione.
  • Per quanto riguarda il “certificato penale”, se sei nato o hai risieduto in Paesi diversi da Israele,  dovrai presentare anche i certificati penali emessi dalle Autorità di questi Paesi.
  • Se hai cambiato o modificato il tuo nome o cognome dovrai unire alla pratica il certificato comprovante il cambiamento di nome prodotto dal Ministero dell’Interno israeliano. Tale requisito vale anche per le donne che abbiano mantenuto il proprio cognome da nubile dopo il matrimonio.
  • Tutti i documenti rilasciati dalle Autorità israeliane dovranno essere completi di “Apostille” (per maggiori informazioni su come ottenere un’Apostille clicca qui) e tradotti da uno dei nostri traduttori di riferimento.
  • I documenti lasciati da Autorità di Paesi terzi, diversi da Israele, dovranno essere completi di “Apostille” o legalizzati dal Consolato italiano territorialmente competente, al quale ti invitiamo a rivolgerti per avere maggiori informazioni, e tradotti in italiano.
  • Per provare un livello di conoscenza dell’italiano non inferiore a B1, devi avere un titolo di studio rilasciato da un istituto di istruzione pubblico o paritario oppure una certificazione di un ente certificatore. Al momento gli enti certificatori riconosciuti dalla normativa italiana sono: l’Università per stranieri di Siena, l’Università per stranieri di Perugia, l’Università Roma Tre, la Società Dante Alighieri. Al riguardo, ti segnaliamo che l’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv è sede di esami sia per l’Università di Perugia (CELI) che per l’Università di Siena (CILS) e organizza periodicamente corsi preparatori per sostenere l’esame di livello B1.

Step 2 – Verifica e vidimazione della documentazione da parte del Consolato

  • Verifica con il Consolato che i documenti sopra indicati siano completi, inviando una scansione all’indirizzo cittadinanza.telaviv@esteri.it, specificando nell’oggetto della mail che si tratta di “cittadinanza per matrimonio”. Il nostro personale la esaminerà e ti darà un appuntamento per la vidimazione della documentazione.
  • Il giorno dell’appuntamento dovrai presentarti con tutti i documenti di cui allo “STEP-1”, il tuo passaporto in corso di validità e i contanti per il pagamento della tariffa consolare.

Step 3 – Inserimento dell’istanza sul portale del Ministero dell’Interno

Una volta ottenuta la vidimazione dei documenti da parte del Consolato:

  • Registrati sul portale del Ministero dell’Interno;
  • Dalla tua “Area personale” inserisci la tua richiesta di riconoscimento della cittadinanza per matrimonio;
  • Dalla voce “Gestione Domanda” compila il modello AE (sezione “Documenti”) e carica la documentazione di cui allo “STEP-1”, opportunamente vidimata dalla Cancelleria Consolare.

Step 4 – Finalizzazione della procedura

Il nostro staff verificherà in “back-office” il corretto inserimento della tua domanda sul portale del Ministero dell’Interno e ti invierà una mail per fissare un nuovo appuntamento, necessario per il perfezionamento dell’istanza.  In occasione del nuovo appuntamento dovrai portare con te tutta la documentazione in originale di cui allo “STEP-1”, che rimarrà agli atti del Consolato, e i contanti per il pagamento della tariffa consolare.